Scoperte più di 1.300 app che raccoglievano dati anche dopo che gli era stata negata l’autorizzazione


I permessi servono per permettere agli utenti di stabilire quali dati personali vengono condivisi con determinate applicazioni. Ma se alcune app riescono a trovare un modo per ottenere informazioni sensibili anche quando l’accesso diretto gli viene negato allora l’intero sistema diventa piuttosto insensato. È questo, in estrema sintesi, il resoconto…
{$readmore}

Fonte: AndroidWorld
Leggi l’articolo completo su: Scoperte più di 1.300 app che raccoglievano dati anche dopo che gli era stata negata l’autorizzazione

About Mauro De Filippis 16381 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*