La nascita di Sigmund Freud nel doodle di oggi

sigmund freuds

E’ dedicato al padre della psicoanalisi il doodle di oggi.
Google infatti dedica la sua home page a Sigismund Schlomo Freud detto Sigmund nato a Freiberg proprio il 6 maggio di 160 anni fa.

Le sue teorie hanno avuto un enorme impatto su tutti i settori della cultura  e hanno influito sulle ricerche antropologiche e sugli indirizzi di medicina psicosomatica.

Il metodo freudiano di interpretazione – alla ricerca di un senso al di là della superficie delle cose – ora si estende ben oltre la sfera della psicoterapia.

Termini freudiani come “narcisismo”, “rivalità tra fratelli”, “libera associazione” e “desiderio di morte” sono parte del nostro parlato, e le teorie di Freud continuano ad alimentare un acceso dibattito tra accademici.

Kevin Laughlin ha creato questo un iceberg come doodle odierno con una grande base nascosta, che rappresenta appunto le profondità oscure della mente inconscia. Il design inoltre attira la nostra attenzione verso l’orizzonte, che ci ricorda come il genio della pratica di Freud riposa nello spazio tra medico e paziente, il lettore e il testo, umano e mondo.



About Mauro De Filippis 714 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Rispondi