L’equinozio di primavera anticipato del 2016 nel doodle di oggi

equinozio di primavera nel doodle di oggi

Anche quest’anno Google dedica il doodle all’equinozio di primavera.

Quest’anno si tratta di un equinozio di primavera molto in anticipo rispetto al solito e ciò è dovuto principalmente al fatto che il 2016 è un anno bisestile.

Come sappiamo l’equinozio è quel momento della rivoluzione terrestre intorno al Sole in cui quest’ultimo si trova allo zenit dell’equatore e, in tale momento, il giorno e la notte hanno ugual durata, giungendo i raggi solari perpendicolarmente all’asse di rotazione della Terra.

L’equinozio di primavera del 2016 è stato questa mattina alle cinque e mezza, in Italia.

Il risultato di quest’anticipo è che la primavera inizia un giorno in anticipo rispetto al 21 marzo cui siamo abituati.

L’equinozio sarà il 20 marzo (con qualche eccezione in cui sarà il 19) per tutto questo secolo. La primavera astronomica tornerà a cominciare il 21 marzo solo nel 2102. Intanto, l’equinozio di primavera continuerà a essere il 20 marzo fino al 2020.

Google non rimane indifferente come ogni anno e dedica all’evento un doodle animato.



 

About Mauro De Filippis 702 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Rispondi