Quando “vai a cagXXre” porta allo Juventus Stadium

juventus stadium va a cagare

Spesso capita che ci siano delle ricerche particolari che se fatte su Google Map portano a delle destinazioni strane (vedi articolo Da Google Maps, indicazioni assurde).

L’ultima in ordine di tempo pensavo realmente non fosse vera e che si trattasse della solita bufala uscita subito dopo la sconfitta della Juventus nella finale di Champions. Invece è vera.

Cercando “vai a caXXre” sulle mappe del  noto motore di ricerca il risultato non è una simpatica destinazione ma nientepopodimenochè lo Juventus Stadium di Torino con tanto di puntatore rosso al centro del campo.

Non si capisce se sia stata l’azione di qualche hacker tifoso che ha pensato bene di denigrare la squadra odiata in modo clamoroso oppure uno dei soliti Easter Egg voluti dal team di Google che ancora non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali.

juventus stadium va a cagareCerto è che il Bug è comunque clamoroso e in effetti il colosso statunitense non si sta neanche affrettando ad intervenire dato che l’errore è ancora presente in tutte le versioni di Maps: da quella desktop alla mobile per Android e iOS.



About Mauro De Filippis 702 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Rispondi