Google: addio al porno pubblicato senza autorizzazione

google tenta di arginare il revenge porn

Google tenta ufficialmente di arginare l’odioso fenomeno del “Revenge porn”

Si chiama Revenge Porn ed è una pratica sempre più diffusa nel web.

Si parte da una storia d’amore finita male.L’amante deluso mette online le foto e video intimi per ritorsione contro l’ex partner. Anche senza una storia d’amore, la dinamica è la stessa, persone spesso ignare che ritrovano online le proprie performance hot.

Da oggi Google ha deciso di ostacolare questa pratica, cancellando i link ai siti che hanno questo tipo di contenuti.
La cancellazione che dovrebbe essere immediata o quasi dei contenuti Revenge Porn dal suo dominio potrà essere richiesta attraverso un apposito modulo online.
Ancora non si conoscono i dettagli ma l ‘obbiettivo dichiarato è eliminare dai risultati di ricerca, tutte le pagine che contengono detto materiale.
Nelle dichiarazioni ufficiali, affidate ad un post di  Amit Singhal nel blog dell’azienda, si legge :
Le immagini di revenge porn sono estremamente personali e potenzialmente dannose, e servono solo a umiliare le vittime, di cui la maggior parte sono donne. Presto onoreremo la richiesta fatta dagli utenti per la rimozione dei risultati riguardanti immagini di nudo o sessualmente esplicite, condivise senza il loro consenso e indicizzate dal nostro motore di ricerca.
L’importante cambio di rotta è dettato dal fatto che i casi di Revenge Porn  sono in continuo aumento ed il fenomeno non riguarda più, purtroppo, pochi casi isolati.
Secondo il gruppo di Mountain View, infatti, nel corso degli anni si sarebbe addirittura creato un circolo vizioso che ha permesso ad alcuni portali di guadagnare dalle vittime di questa pratica, imponendo il pagamento di una somma per la cancellazione dei contenuti dal proprio archivio: una vera e propria estorsione.
Si tratta di un piccolo passo avanti nella soluzione di questo problema, che ha portato anche a suicidi da parte delle vittime, dato che comunque i contenuti rimarranno al loro posto, però l’impossibilità di essere presenti nei risultati del più importante motore di ricerca unito alle policy sempre più stringenti dei vari social  servirà senza dubbio ad evitare la diffusione indiscriminata e prolungata di contenuti privati.


About Mauro De Filippis 2443 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*