The Fox, il nuovo tormentone della rete

Ylvis

YlvisDopo “Gangnam Style” o “Harlem Shake” un’altro tormentone impazza nella rete.Un’altro videoclip musicale ed un brano che sembra costruito per diventare virale.

Si tratta di The Fox (What does the Fox say?)  creato dagli Ylvis un duo di  artisti norvegesi  composto dai fratelli Bård e Vegard Ylvisåker.

La loro canzone pubblicata su YouTube nel mese di settembre 2013, ha portato i due fratelli all’attenzione mondiale con il video che è giunto quasi a 104 milioni di visualizzazioni.

La canzone con tanto di balletto è un brano simile al nostrano “il coccodrillo come fa” ma il soggetto è un altro animale: la volpe.

E la volpe come fa? è la domanda che ossessivamente viene ripetuta nella canzona e le risposte sono una serie di versi buffi e strani che strappano una risata.

«Ad essere sincero, sono abbastanza stupito – ha confessato Bard – Questo video è stato realizzato per un programma televisivo norvegese: dovevamo intrattenere il pubblico per tre minuti. Un paio di giorni fa l’abbiamo fatto vedere ai nostri colleghi. Nessuno ha riso».

Voi che ne dite?

Ecco il video :



About Mauro De Filippis 933 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Rispondi