Da oggi via libera alla liberalizzazione dei domini

icannQuesta svolta capita proprio in un momento in cui in Italia il tema delle liberalizzazione è in primo piano.

Ma quello che sta capitando in Internet non ha nulla a che vedere con Monti e con l’Italia.

Da oggi infatti parte la liberalizzazione dei domini web di primo livello.

In pratica da oggi l’Icann, l’organismo internazionale non profit responsabile dell’organizzazione della Rete, inizierà a raccogliere le proposte di registrazione di domini primari da affiancare a quelli tradizionali quali .com , .info, .net o il recente .xxx.

.ford, .coca-cola e .pepsi. saranno dunque domini possibili.

I nuovi domini non saranno certo economici. Ogni nuovo dominio costerà 185 mila dollari, circa 145 mila euro al cambio attuale.

Ad oggi i domini di primo livello disponibili (come .gov, .com, .org) sono 22 mentre sono 250 quelli di livello nazionale (come .it, .uk, .fr).

La novità ha destato subito reazioni contrastanti tra chi è già pronto ad accaparrarsi il proprio dominio, tra le aziende che hanno annunciato l’intenzione di registrare il dominio, Hitachi (.hitachi), Canon (.canon) e Deloitte (.deloitte), e chi è preoccupato ad esempi per la possibile nascita di migliaia di truffe online.

Città americane come New York, San Francisco e Las Vegas e città europee come Londra, Parigi e Berlino sono al lavoro per ottenere i domini e poter così strutturare nuovi siti  turistici e di servizi.

Tra le città Italiana invece abbiamo Firenze.

Onu e il Fondo Monetario Internazionale che hanno espressamente richiesto all’ICANN non consentire la registrazione di domini .un e .imf da parte di utenti non affiliati alle organizzazioni, per evitare che poi gli stessi vengano rivenduti.

E il tema dell’acquisto multiplo è la rivendita di domini anche non propri, sarà certamente un altro punto caldo da affrontare .



About Mauro De Filippis 16343 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*