Gregor Mendel e il 189° anniversario della sua nascita nel logo google di oggi

Google ricorda il 189° anniversario della nascita di Gregor Mendel

Google ricorda il 189° anniversario della nascita di Gregor MendelUn logo fatto di piantine di piselli gialli e verdi, lisci e rugosi, quello di oggi per Google. La ricorrenza è il 189° anniversario della nascita di Gregor Mendel,  il monaco Gregor che ha consacrato la propria vita alla preghiera e ad un attento lavoro di ricerca nel campo della osservazione dei caratteri ereditari tanto da essere considerato il precursode della moderna genetica.

Gregor Mendel
Gregor Mendel

Mendel nel giro di 7 anni aveva incrociato tra loro centinaia e centinaia di piante di piselli, coltivandone in tutto 28.000 esemplari e aveva passato la maggior parte del tempo a osservare forma e colore dei fiori, dei baccelli e dei piccoli legumi, e a contare e ricontare: quanti semi verdi e quanti gialli, quanti lisci e quanti rugosi  , successivamente impegnò un biennio per elaborare i suoi dati che portarono a tre generalizzazioni che divennero in seguito famose come Leggi dell’Ereditarietà di Mendel.



About Mauro De Filippis 2825 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*