Egitto. E’ veramente possibile spegnere internet?

La situazione in Egitto è sempre più calda. Gli scontri si fanno sempre più duri, le vittime soprattutto tra i civili aumentano.
L’ultimo atto di questa situazione è stato l’oscuramento di tutti i servizi legati ad Internet nell’intero Egitto.

Neanche in Birmania, in Iran, in Cina, a Cuba, i regimi autoritari avevano mai osato tanto.
In queste ore le notizie fanno il giro del mondo, e molti si chiedono se e come sia possibile veramente che una intera nazione venga scollegata dalla rete Internet, evitando che siti web, email e qualsiasi tipo di comunicazione in rete possa uscire dal paese.

Questo è un tema che riguarda anche le superpotenze del pianeta.
Ma come è stato possibile? Internet non è la televisione, la radio, la stampa.

In Egitto inoltre la rete telefonica, sui cui viaggiano dati Internet, non è dello stato, quindi non c’è un interruttore da spegnere.

Difatti la chiusura di quasi tutto il traffico è avvenuta per mano dei fornitori di connessione Vodafone/Raya, Link Egypt, Telecom Egypt, Etisalat Misr e NoorGroup che sono stati convocati e hanno per legge dovuto obbedire alla richiesta di blocco, prima parziale e ora totale.

Attualmente solo Noor Group, che gestisce le connessioni della borse valori egiziana è accessibile.

Network EgizianiMa ogni provider egiziano, ogni impresa e banca, Internet cafe, sito internet, scuola, ambasciata, e la sede del governo che facevano affidamento sulle quattro grandi compagnie per la loro connettività Internet è ormai tagliata fuori dal resto del mondo.

Link Egypt, Vodafone / Raya, Telecom Egypt, Etisalat Misr, e tutti i loro clienti e partner, per il momento, sono fuori gioco.

È successa la stessa cosa per la telefonia mobile.
Dal Cairo è partita la richiesta ai gestori di bloccare ponti e ripetitori. Vodafone UK ha fatto sapere che il governo egiziano ha chiesto all’azienda di sospendere la copertura in alcune aree del Paese.

Questa è una situazione completamente diversa dalla manipolazione Internet che si è svolta in altre parti del mondo per limitare la fuoriuscita di notizie verso il mondo.

Traffico internet in Egitto
In Tunisia, sono stati bloccati dei routing specifici, in Iran , Internet è rimasta attiva ed accessibile ma sono riusciti a limitare considerevolmente le velocità di navigazione per rendere la connettività Internet dolorosamente lenta.

Le azioni del governo egiziano di questi giorni hanno sostanzialmente cancellato il loro paese dalla mappa mondiale.
Il blog di Renesys ha come sempre una analisi molto dettagliata della situazione a livello tecnico.

Un’altro punto di vista riguarda le relazioni e le economie internazionali legate a questa situazione.
L’Egitto infatti è uno snodo fondamentale per i cavi che mettono in comunicazione Europa e Asia.

Gli stati del Golfo, in particolare, dipendono in modo critico sul corridoio egiziano a fibre ottiche per la loro connettività ai mercati mondiali. Questa situazione potrebbe avere impatti pesanti anche ad esempio sui prezzi del petrolio, ma i rischi potenziali per la connettività Internet a livello globale attraverso l’Egitto sono altrettanto importanti.



About Mauro De Filippis 19779 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*