Dipendenti Google : Stipendi Aumentati del 10%

Google aumenta lo stipendio ai propri dipendenti“Vogliamo assicurarci che sentiate di essere ricompensati per il vostro duro lavoro. Vogliamo continuare ad attirare le persone migliori” .

Queste le parole contenute nella mail che gli oltre 20.000 dipendenti del colosso informatico di Mountai View hanno ricevuto in questi giorni.

E non si tratta di una burla.

La mail infatti è firmata Erich Schmidt CEO di BigG e comunica che la società di Mountain View ha deciso di aumentare lo stipendio a tutti i  Googlers del 10%, a partire dal primo Gennaio 2011 ed è previsto inoltre per ciascuno di loro un “holiday bonus” di 1.000 dollari.

“Siete voi ciò che rende grande quest’azienda” – ha scritto Schmidt nell’email che annuncia la gradita novità – “e il nostro obiettivo è riconoscere il vostro contribuito in un modo che per voi abbia importanza” : dicono da Google , ma uno dei motivi di questo aumentoè sicuramente la recente fuga verso Facebook di alcuni (ad esempio Lars Rasmussen, uno degli ideatori di Google Maps e Wave perché, a suo dire, gli sono state offerte condizioni economiche e di lavoro migliori.)




About Mauro De Filippis 19051 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*