Ning presto a pagamento

Ning si prepara a diventare interamente a pagamento.

La rete di social network che ha ospitato fino a 20 milioni di visitatori al mese, sta tagliando membri dello staff ed ha annunciato la chiusura del servizio gratuito. In più, agli utenti che già pagano per un servizio premium sarà chiesta una quota aggiuntiva: in cambio di servizi aggiuntivi.
Poco meno di un anno fa la società contava un milione di social network ospitati e una valutazione di circa 500 milioni di dollari, la sua dinamicità era inoltre dimostrata dal rilascio di una piattaforma di sviluppo e 90 applicazioni pronte per l’uso a disposizione dei creatori di network.

Poi un mese fa il CEO Gina Bianchini lasciato la società. Ora arriva il taglio del 40 per cento della forza lavoro (da 167 a 98 impiegati) e l’annuncio da parte del nuovo CEO Jason Rosenthal di dedicare tutti gli sforzi ai contenuti premium trasformando la piattaforma in un sistema totalmente a pagamento: “Le reti premium detengono il 70 per cento del nostro traffico USA e i creatori di queste reti hanno bisogno e sono disposti a pagare per molti altri nostri servizi.”

Ning passerà cosi a dedicare il 100 per cento delle sue risorse “a costruire prodotti vincenti per cogliere nuove opportunità”.

Dietro la nuova impostazione strategica societaria si intuisce che per la piattaforma il modello di business basato sull’advertising e su contenuti gratuiti non bastava, per alcuni anche a causa dei 120 milioni di dollari ricevuti da vari investitori che premevano adesso per monetizzare più intensamente il traffico raccolto.

Oltre al profitto, dietro la decisione vi sarebbe anche la volontà di selezione i contenuti ospitati scremando quelli di spam o pornografia.

La decisione ha suscitato un gran numero di polemiche tra gli stessi utenti, che al momento stanno cercando di correre ai ripari per salvare i network creati sulla piattaforma. Sul web si moltiplicano i link a tutti i servizi simili che sono rimasti in versione gratuita e da pochi giorni è online Save My Ning, un sito che permette di copiare i network gratuiti che Ning sta per rimuovere.

Fonti :
Punto Informatico

BitCity

About Mauro De Filippis 24035 Articles
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l'Università degli Studi di Lecce con una tesi in Processi di Produzione Robotizzati dal titolo "Integrazione delle tecniche di progettazione del ciclo di lavorazione con programmazione della produzione”. Le mie attività principali sono : sviluppo di applicativi ANSI C per terminali POS basati su processori ARM Risc 32Bit con 2-4 MB di Ram (progettazione, sviluppo e test delle applicazioni ) sviluppo in ambiente .NET sviluppo Web in ambiente PHP, ASP Installazione, progettazione, utilizzo di Db MS SQL Server, Mysql, Acces , Oracle Da anni mi occupo di CMS Open Source, in particolare di Joomla e Wordpress. Mia è la Guida Wordpress 3.5, la Guida Joomla 2.5 , il Corso online Joomla! 2.5 ed il Corso online Wordpress Mi occupo anche di LMS in particolare di Moodle e Docebo. Google+ by Mauro De Filippis

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*